• Guida al Parmigiano Reggiano

Segni particolari

Colore

Da leggermente paglierino a paglierino. Struttura granulosa, solubile e friabile. Nelle forme stagionate è caratteristica la presenza di granuli bianchi di aminoacidi della misura di 2-4 millimetri di diametro.

Crosta

Totalmente naturale ed edibile, in quanto priva di trattamenti.

Stagionatura

Controlla i bollini: la stagionatura minima del Parmigiano Reggiano è di 12 mesi (la più alta tra i formaggi). Sono 3 le stagionature di riferimento: oltre 18 mesi, oltre 22 mesi, oltre 30 mesi.

Zona di produzione

Il Parmigiano Reggiano  è prodotto in un’area che comprende Parma, Reggio Emilia, Modena, Bologna (alla sinistra del fiume Reno) e Mantova (alla destra del fiume Po).

Artigianalità

Il Parmigiano Reggiano viene prodotto oggi come 9 secoli fa. Ogni giorno oltre 350 caseifici artigianali sono al servizio del Re dei Formaggi.

Latte

Viene preparato con il latte della zona di produzione derivato da bovine alimentate senza uso di insilati (foraggi fermentati), utilizzato crudo, senza nessun additivo e con l’aggiunta di solo siero fermento naturale e caglio di vitello.

Marchiatura

Tre passaggi obbligatori: caratteristica puntinatura sulla superficie laterale della crosta, identificazione di ogni forma tramite una placca di caseina e verifica della qualità di ogni singola forma dopo il periodo di stagionatura minima di 12 mesi.

Coltello e Parmigiano-Reggiano
Ricette