• Ricette SmartCooking

Carciofi ripieni e uova al sugo povero

Ricetta di Ada - Siciliani creativi in cucina

  • Difficoltà

    Media

  • Stagionatura

    30 mesi +

  • per 4 persone
  • 8 carciofi
  • 6 uova
  • 750 millilitri di passata di pomodoro
  • 150 grammi di pane grattugiato
  • 100 grammi di scamorza tagliata a dadini
  • 60 grammi di Parmigiano Reggiano grattugiato
  • 30 grammi di Pecorino Romano grattugiato
  • olio extravergine di oliva
  • menta fresca q.b
  • sale e pepe q.b.
  • un pizzico di zucchero

Pulire bene i carciofi eliminando le foglie più dure, il gambo (i carciofi dovranno stare in piedi, quindi toglietelo tutto in modo da avere una base stabile), le estremità e metterli per 10 minuti in una ciotola piena di acqua acidulata con succo di limone. Preparare la farcia mescolando insieme il pane grattugiato, il Parmigiano Reggiano e il Pecorino Romano. Aggiustare di sale e unire una quantità di olio evo sufficiente ad ottenere un composto morbido, ma sgranato. Farcire ogni cuore di carciofo qualche dadino di scamorza e riempire i carciofi con la farcia pressando bene, in modo da farne entrare il più possibile. Sbattere due uova con un pizzico di sale e passare nell’uovo solo la parte superiore del carciofo, quella con la farcia, in modo da ricoprirla bene. Coprire il fondo di un tegame antiaderente con olio e, quando sarà caldo, friggere la parte superiore del carciofo, quella imbevuta con l’uovo, in modo da formare una crosticina che darà sapore ma soprattutto proteggerà il carciofo in cottura. Lessare le restanti uova fino a sodarle. Nello stesso olio in cui si è soffritto i carciofi versare la passata di pomodoro, salare e unire un pizzico di zucchero. Portare il pomodoro a bollore e disporre nel tegame i carciofi ripieni, con la parte superiore rivolta verso l’alto. Coprire e fare cuocere a fuoco basso. Nel frattempo, togliere il guscio alle uova e soffriggerle in una padella con poco olio, in modo da rosolarle da tutte le parti (vi faranno impazzire, vi avverto…rotolano), quindi unirle al sugo. Tritare la menta sottilmente e unire anche la menta. Cuocere in tutto circa 20 minuti: sarà comunque pronto quando i carciofi saranno teneri. Vi consiglio di farlo riposare 5-10 minuti prima di servire con una foglia di menta per guarnire e abbondante pane casareccio.

STORIA

Un sugo povero e contadino, fatto con ingredienti di riciclo: gli ultimi carciofi, Parmigiano Reggiano e Pecorino Romano grattugiati, pane raffermo e uova. Ma quanto sapore in questa ‘povertà’. Non so dirvi l’origine del piatto, che ovviamente è un piatto ‘unico’ perché si mangia facendo la ‘scarpetta’ con tanto pane: lo faceva mia nonna, palermitana, e neanche lei ricordava dove l’avesse imparato. Mia madre lo ha fatto pochissime volte, io non ne ho memoria. Ma l’altro giorno, mentre chiacchieravamo, mi ha detto: ’Perché per il blog non fai quel piatto che faceva la nonna? Il sugo povero di carciofi, quello con la menta?’. Me lo sono fatto spiegare ed ecco il risultato.
Ada -  Siciliani creativi in cucina

Coltello e Parmigiano-Reggiano
Ricette