• 2006

IL PARMIGIANO REGGIANO NEGLI STATI UNITI AL FANCY FOOD SHOW

Dal 9 all'11 luglio, a New York, per presentare un piano di promozione comune tra il Parmigiano Reggiano ed il Prosciutto di Parma

Reggio Emilia, 10 luglio 2006 - Divulgare la conoscenza e la cultura dei prodotti d'origine e favorire l'incontro tra operatori commerciali e importatori: queste le linee operative che caratterizzano la partecipazione del Consorzio del Parmigiano Reggiano al Fancy Food Show, la più importante manifestazione fieristica alimentare degli Stati Uniti, iniziata ieri e che terminerà martedì 11 luglio.
La manifestazione di quest'anno coincide con il varo di un importante progetto di valenza triennale (2006 - 2008), cofinanziato dalla Commissione europea e da Agea, che vede coinvolti i Consorzi di due importanti prodotti di origine italiani, il Parmigiano Reggiano ed il Prosciutto di Parma, che condividono, oltre alla zona d'origine, i principi della tutela dei prodotti e delle denominazioni e che, nell'ambito della collaborazione, si presentano al Fancy Food Show con uno stand comune.
L'attività del Consorzio durante la manifestazione ha esordito ieri mattina con un incontro al quale hanno partecipato sia gli importatori americani sia gli esportatori dei Parmigiano Reggiano, oltre a rappresentanti dell'Unione europea e dell'Ice. L'incontro, aperto dall'intervento di Leo Bertozzi, direttore del Consorzio, sul mercato del Parmigiano Reggiano, è proseguito con l'illustrazione da parte di Cristiana Clerici, che per il Consorzio segue il progetto comune, di una ricerca di mercato presso la distribuzione del nord America svolta nel 2005, sia per il Parmigiano Reggiano sia per il Prosciutto di Parma. Nell'ultima parte dell'incontro è stato presentato il progetto attraverso il quale, nei prossimi tre anni, avverrà la promozione in terra americana dei due prodotti e, per il quale, è stata promossa anche una ricerca di mercato svolta presso i consumatori americani, tramite dei gruppi di discussione (focus groups) che saranno la base per sviluppare una campagna comune di comunicazione pubblicitaria al consumo.
"Altri punti qualificanti del programma comune - ha proseguito Cristiana Clerici - sono la campagna di comunicazione presso le riviste del commercio e un programma di degustazioni, 600 da svolgersi entro il 2006, presso i punti vendita, per far apprezzare direttamente i prodotti ai consumatori. Non solo, il programma prevede eventi stampa, viaggi stampa nelle nostre zone d'origine, la creazione di materiale di comunicazione e l'organizzazione di seminari rivolti agli chef e al trade, soprattutto al personale che lavora al banco formaggi e al banco salumeria".
"La collaborazione tra il Parmigiano Reggiano ed il Prosciutto di Parma - ha dichiarato Leo Bertozzi - fa parte di uno stile di ricerca di sinergie tra prodotti che condividono la stessa logica dell'origine e gli stessi principi della tutela delle denominazioni, soprattutto per essere sempre più presenti in un paese dove diversi sono stati i casi in cui il Consorzio è intervenuto per contrastare un uso non corretto del nome <Parmigiano Reggiano>".
Sempre seguendo questa logica di ricerca di collaborazioni, oggi 10 luglio, il direttore Leo Bertozzi interviene ad un convegno promosso da EAT, la European Autentic Taste, un'associazione che sta sostenendo e divulgando i principi dei prodotti a denominazione d'origine all'interno di un programma di promozione che la Commissione attua per i prodotti europei di qualità. "Il tema dell'incontro di oggi - ha continuato Bertozzi - riguarda i prodotti conosciuti e sconosciuti dell'Unione europea e su come la Dop ci aiuta ad avere ulteriori valori nel presentare le caratteristiche dei nostri prodotti che hanno un disciplinare che fissa in modo preciso le modalità e la zona di produzione ed il corretto uso del nome".

Coltello e Parmigiano-Reggiano
Ricette