• 2006

RISULTATI E PROSPETTIVE DELLA SEZIONE MODENESE DEL CONSORZIO DEL PARMIGIANO REGGIANO

Edmondo Berselli, giornalista e scrittore, premiato con il "Coltellino d'oro"

Le attività di promozione in programma, i risultati delle iniziative svolte in passato e il quadro produttivo dei primi mesi del 2006 illustrati dai nuovi vertici della Sezione modenese

Modena, 12 giugno 2006 - Si rinnova il tradizionale appuntamento della Festa dei caseifici modenesi, con la quale la Sezione di Modena del Consorzio comincia un periodo denso di appuntamenti con un impegno ancora maggiore, che nasce anche dal recente rinnovo del Consiglio e dei vertici del Consorzio.
Durante la Festa, che si svolgerà giovedì 15 giugno, a Maranello, presso il ristorante "Gatto Verde" , Edmondo Berselli, originario di Campogalliano e noto personaggio dell'editoria e del giornalismo, sarà premiato con il "Coltellino d'oro", il riconoscimento che viene assegnato a personalità della terra modenese, distintesi in modo particolare nella loro attività. In passato è stato assegnato ad altri illustri personaggi, quali Luciano Pavarotti, Arrigo Levi, Mirella Freni, Vincenzo Mollica e Valerio Massimo Manfredi.
"Il Coltellino d'oro - dichiara Aldemiro Bertolini, neo presidente della Sezione di Modena del Consorzio - è un segno di stima nei confronti di un uomo che con il suo lavoro ed il suo impegno ha contribuito a diffondere in Italia e nel mondo la nostra cultura. In particolare Berselli, con il suo libro "Quel gran pezzo dell'Emilia", ha descritto con sagacia e passione il nostro modo di vivere, ed ha contribuito a comunicare i valori di una terra della quale il Parmigiano Reggiano è parte integrante ed espressione autentica".
Nella sua 35esima edizione, la festa vedrà insigniti della "Medaglia d'oro" i sei casari e della "Targa d'argento" i sei caseifici che nell'anno 2005 si sono distinti per la qualità del Parmigiano Reggiano prodotto. "Questa attenzione costante a qualificare un formaggio dalle caratteristiche uniche ed irripetibili - prosegue Bertolini - si affianca ad un grande impegno per ridare alle imprese dei produttori la giusta redditività. I segnali di calo della produzione e di ripresa dei consumi del nostro formaggio ci auguriamo possano aprire uno scenario nuovo per i nostri produttori".
Dopo una produzione del 2005 di oltre 615.000 forme, per un totale di 23.000 tonnellate circa, ottenute in 105 caseifici, la realtà produttiva della Sezione modenese del Consorzio vede ad aprile un calo produttivo del 3,16% rispetto allo stesso mese del 2005, mentre la contrazione della produzione su tutto il comprensorio nell'intero quadrimestre è pari al 2,14% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Inoltre, le contrattazioni viaggiano ad un ritmo leggermente più spedito rispetto al 2005.
"Il 60% della produzione viene fatta in pianura e il 40% in montagna - ha proseguito Bertolini - e non possiamo non sottolineare l'importanza strategica della produzione del Parmigiano Reggiano per l'agricoltura montana, dove spesso questa è l'unica possibilità di produzione e quindi assolve al ruolo di presidio del territorio".
Nell'ottica della promozione del formaggio, la Sezione di Modena sta impegnando le proprie risorse per educare al gusto e alla cultura del formaggio il pubblico che si avvicina al Parmigiano Reggiano. "Le iniziative su cui puntiamo maggiormente - dichiara Bertolini - cercano di indurre il consumatore a comprendere i plus del Parmigiano Reggiano. Per questo, cerchiamo di favorire il contatto diretto con i produttori, sia con le visite nei caseifici, sia con iniziative specifiche come i prossimi "I concerti della via lattea", che in otto date coinvolgeranno il pubblico tra musica classica e gusto all'interno dei magazzini di stagionatura".
Sempre nell'ottica di un coinvolgimento diretto del pubblico, continuerà l'attività che da alcuni anni la Sezione, in collaborazione con Artecasearia - laboratorio di assistenza ai caseifici - svolge all'interno della Multifiera di Modena. In particolare negli ultimi due anni, l'iniziativa ha consentito di monitorare il gusto del pubblico nei confronti del Parmigiano Reggiano, proponendo assaggi di diverse stagionature, in abbinamento con altri prodotti tipici.

Coltello e Parmigiano-Reggiano
Ricette