• 2007

PARMIGIANO REGGIANO: UNA FORMA AL CAMPIONE DEL MONDO PAOLO BETTINI

La consegna sabato, in occasione del “Memorial Cimurri”

Reggio Emilia, 4 ottobre 2007 - In occasione del “Memorial Cimurri” – in programma sabato 6 ottobre - il Consorzio del Parmigiano Reggiano consegnerà a Paolo Bettini, laureatosi campione del mondo di ciclismo su strada per la seconda volta consecutiva, una forma di Parmigiano Reggiano.
“Abbiamo assicurato il nostro sostegno anche alla terza edizione del “Memorial Cimurri” – sottolinea il presidente del Consorzio, Giuseppe Alai - non solo per ricordare due grandi sportivi della nostra terra, Giannetto e Chiarino Cimurri, ma soprattutto per rimarcare il legame sempre più stretto tra il nostro prodotto tipico e il mondo dello sport, che da una parte riguarda in senso stretto l’alimentazione (e in tal senso il Parmigiano Reggiano possiede caratteristiche che lo rendono assolutamente indicato per la dieta di chi pratica sport a tutti i livelli), ma anche un sistema di valori che per molti versi accomuna il mondo agricolo a quello sportivo: dallo spirito di sacrificio, al coraggio di cimentarsi in sfide sempre nuove, all’associazione tra competizione e rispetto dell’altro”.
“Nello stesso senso – prosegue Alai – va il riconoscimento che consegneremo a Paolo Bettini e idealmente alla squadra italiana che si è battuta a Stoccarda, tenendo alto il nome del nostro Paese e valorizzando, proprio grazie ad un lavoro di gruppo che ricorda quello che vede impegnati allevatori e strutture di trasformazione del nostro comprensorio, una delle sue eccellenze”.
Si rafforza, dunque, il legame tra Parmigiano Reggiano e sport, che quest’anno è stato caratterizzato anche dalla importante presenza del Consorzio al Giro d’Italia di ciclismo e dai sostegni assicurati a Giuliano Razzoli, campione italiano di slalom impegnato nella prossima Coppa del mondo di sci, e all’alpinista Nives Meroi, che nella tarda primavera del 2007 ha raggiunto la cima dell’Everest senza ossigeno, senza il ricorso a sofisticate tecnologie, senza “portatori” d’alta quota, guardando dal “tetto del mondo” le altre nove vette sopra gli ottomila metri conquistate l’una dopo l’altra per arrivare, forse già entro l’anno prossimo, a toccare il punto più alto delle ultime quattro cime che vanno oltre tale quota, divenendo così l’unica donna capace di conquistare tutte le più alte vette del pianeta.
“Per le sue caratteristiche – sottolinea Alai - il Parmigiano Reggiano è un alimento altamente digeribile e permette di essere impiegato da chi pratica sport senza sovraffaticare le funzioni digestive. Per questo è molto indicato per chi pratica attività sportive e debilitanti, in cui è messa a dura prova la resistenza dell’organismo: nel ciclismo come nel podismo, nell’escursionismo, nello sci, nell’alpinismo, in tutti gli sport di durata”.

Coltello e Parmigiano-Reggiano
Ricette