• 2008

IL PARMIGIANO REGGIANO A PECHINO TRA SPORT E NEW BUSINESS

Reggio Emilia, 6 agosto 2008 - "Siamo a Pechino e su questo evento sono puntati gli occhi di tutto il mondo. Noi siamo vicini agli azzurri e al Coni e rappresenteremo, insieme all'Italia Team il nostro Paese. Crediamo di essere una parte di quell’Italia eccellente conosciuta e stimata nel mondo ed allo stesso tempo espressione della laboriosità del nostro Paese e della voglia di far bene che tutti gli italiani hanno".
Giuseppe Alai, presidente del Consorzio del Parmigiano Reggiano, ha così dichiarato a Casa Italia, nella capitale cinese, a due giorni dall’avvio dei giochi olimpici, aggiungendo che “l’essere partner del Coni e fornitori ufficiali della squadra olimpica alle Olimpiadi ci consente di offrire agli atleti italiani l'opportunità di sfruttare un alimento che ha contenuti nutrizionali elevatissimi con un valore salutistico assolutamente unico, comunicando questi stessi straordinari valori a tutti coloro che seguiranno lo straordinario evento sportivo in ogni parte del mondo”.
La presenza del Consorzio a Casa Italia-Coni (come sponsor e fornitore ufficiale degli azzurri) pone tra l’altro il Consorzio al centro di una serie di azioni e di relazioni internazionali che tendono a rafforzare complessivamente la sua immagine e la sua presenza sui mercati esteri, proprio a partire da un grande Paese in forte crescita economica, come del resto è emerso dall’incontro avuto da Alai il 4 agosto con l'ambasciatore italiano in Cina, Riccardo Sessa, nel corso del quale il presidente del Consorzio del Parmigiano Reggiano, Giuseppe Alai, ha ribadito il senso dell’abbinamento tra i grandi campioni dello sport e un campione dell’agroalimentare, simbolo di genuinità e tradizione, di artigianalità, di passione e di un grande lavoro che, seppure con ruoli differenti, accomuna oltre 20.000 operatori, a partire dagli allevatori e dai caseifici che con la loro presenza rendono irripetibile il comprensorio di produzione. Alai e Sessa si sono anche intrattenuti sulle possibili azioni atte a rafforzare la commercializzazione del Parmigiano Reggiano in un Paese in cui si concentra un quarto della popolazione mondiale, e che può conseguentemente diventare un mercato di particolare interesse per il “re dei formaggi”. Analoghi temi sono stati affrontati da Alai – già intervistato dalle due principali emittenti cinesi - nell’incontro con il direttore dell’Istituto per il Commercio Estero in Cina, Agostino La Spina.
Come è tradizione in ogni Olimpiade, i giornalisti accreditati dal Coni sono stati invitati a partecipare ad un concorso – sostenuto dal Consorzio di tutela - in cui hanno spazio le previsioni sull’andamento della competizione olimpica per la squadra azzurra: al vincitore sarà offerto un soggiorno nel comprensorio di produzione del Parmigiano Reggiano.
Alai ha ricordato il particolare e stretto legame che da lungo tempo il Consorzio di tutela ha consolidato con il mondo dello sport: “un mondo – ha detto – al quale oggi è chiesto di riaffermare concretamente i suoi valori di lealtà, di rispetto dell’altro, di sviluppare una competizione fondata su comportamenti corretti, perché solo in questo modo può costituire un esempio per tutti sul come ci si deve relazionare per costruire elementi di collaborazione e una cultura di pace, rappresentando al meglio anche i valori sui quali si fonda un sistema produttivo che accentra i suoi elementi competitivi sulla genuinità, su una tradizione fatta di lavoro e di artigianalità, dando vita ad un prodotto assolutamente unico in termini di caratteristiche nutrizionali”.

Coltello e Parmigiano-Reggiano
Ricette