• 2010

Il Consorzio del Parmigiano Reggiano conferma la pressione sull’export

Forte sinergia forte con gli operatori per aumentare le esportazioni (+11% nel primo trimestre 2010). 10 milioni di investimenti nel 2010

Reggio Emilia, 10 maggio 2010  -  "Appena avremo il via libera dal Mipaaf sui cambiamenti statutari, il Consorzio andrà a costituire una società che sarà al 100% propria e che si occuperà dell'acquisto di Parmigiano Reggiano dai caseifici per indirizzarlo alle iniziative di promozione e di valorizzazione del prodotto, soprattutto sui mercati esteri”.
Lo ha dichiarato il presidente del Consorzio, Giuseppe Alai, in apertura di Cibus il 15° salone internazionale dell'alimentazione, dove l’Ente di tutela è presente con uno stand  (Padiglione 1, stand A 014) che sarà punto di incontro con gli operatori.

“Il Consorzio – spiega Alai - conferma dunque l'orientamento strategico che si è dato: rafforzare le esportazioni e porre grande attenzione ai i nuovi stili di consumo (segnati, in particolare, dalla crescita dei consumi extradomestici e dei preparati alimentari pronti), per i quali si pone il tema del corretto utilizzo e la corretta denominazione del Parmigiano Reggiano usato come ingrediente, tema che è stato al centro anche dell’incontro di sabato 8 maggio con il Commissario europeo all'agricoltura, Dacian Ciolos”.
"Guardando i dati sulle esportazioni, nel primo trimestre 2010 si evidenzia un +11%, ed è allora  evidente – afferma Alai che si stanno raccogliendo i frutti della nuova impostazione che il Consorzio si è dato negli ultimi tre anni, dialogando a viso aperto con gli esportatori all’interno di un’apposita Consulta creata tre anni fa per proporsi alle catene della gdo internazionale mettendo in campo contemporaneamente la promozione e le azioni di supporto alla vendita direttamente negli esercizi commerciali.  Soprattutto – aggiunge Alai - siamo riusciti a rendere coesa la nostra filiera e nel rapporto con gli esportatori vi è stato un vero e proprio cambiamento di azione; ora lavoriamo insieme, il clima è molto buono, si è aperta una vera e propria collaborazione. E proprio dalle grandi catene all'estero è arrivato uno scossone alle vendite".

“Per quanto riguarda le risorse messe in campo – osserva Alai - nel 2008 e nel 2009 il Consorzio ha attinto semplicemente al proprio bilancio, mettendo a disposizione il primo anno 3,5 milioni di euro e altri 2,5 nel secondo, lavorando contemporaneamente con il Ministero delle Politiche Agrarie – insieme al Consorzio del Grana Padano – per creare le condizioni per far arrivare nel 2010 i finanziamenti dell’agenzia Buonitalia del ministero stesso. E così, tra i finanziamenti ministeriali, le risorse messe in campo dal Consorzio, quelle degli esportatori, i finanziamenti comunitari sui progetti di promozione e quelli della Regione Emilia-Romagna, nel 2010 prevediamo di raggiungere un budget sulle azioni estere di circa 10 milioni di Euro”.

Come veicolo di traino dell’immagine internazionale del Parmigiano Reggiano si è peraltro confermato vincente l’abbinamento con lo sport (dalle Olimpiadi di Pechino ai Giochi del Mediterraneo), ed in particolare l’aver accompagnato Giuliano Razzoli (che sarà nello stand del Consorzio a Cibus nella mattinata di mercoledì 12 maggio) nella sua impresa alle Olimpiadi invernali di Vancouver e  il “Parmigiano Reggiano Italian team”, la squadra azzurra femminile di tennis, che a fine estate si giocherà la finale della Fed Cup contro gli Usa.  

Coltello e Parmigiano-Reggiano
Ricette