• 2010

Racconti in Forma: il Parmigiano Reggiano letterario al Salone del Gusto

24 ottobre 2010 - Premiati allo stand del Consorzio gli autori primi tre classificati al concorso "De Gustibus, letteratura gustosa" della casa editrice Damster, in collaborazione con la Sezione di Modena del Consorzio

Guarda la fotogallery

Torino, 24 ottobre 2010 – Oltre a stimolare e a soddisfare appetito, il Parmigiano Reggiano è in grado di suscitare fantasia e creatività. Così, un prodotto della tradizione gastronomica italiana è divento un elemento narrativo in grado di sviluppare una produzione letteraria.

“De Gustibus letteratura gustosa “, concorso letterario promosso da Damster Edizioni di Modena, affronta questa sfida a più riprese, proponendo ad ogni edizione, con cadenza annuale, un prodotto tipico. E il concorso, che nel 2010 vede come protagonista il Parmigiano Reggiano, ha avuto il suo epilogo questa mattina, al Salone del Gusto di Torino, allo stand del Consorzio del Parmigiano Reggiano, in collaborazione con la sezione di Modena del nostro Consorzio.

Un centinaio sono stati i racconti pervenuti in redazione, alcuni anche dall'estero, e dopo un'attenta selezione diciannove sono stati pubblicati in un volume, “Racconti in forma”, già distribuito nelle librerie, presentato oggi al pubblico del Salone del Gusto in occasione della premiazione del concorso.

Infatti, tra quelli pubblicati, una giuria composta da scrittori, giornalisti, operatori della comunicazione ed esperti del settore ha scelto i migliori tre, che solo oggi sono stati rivelati e premiati allo stand del Parmigiano Reggiano.

E' stato proprio Aldemiro Bertolini, presidente della Sezione di Modena, a premiare Paolo Bertani di Modena, autore di "Bastardi senza forma", il racconto che si è aggiudicato il primo premio. Secondo si è classificata una coppia letteraria e nella vita, Lei & Vandelli di Sassuolo, con il racconto "Il miglior casaro della Pietra di Bismantova", premiati da Giandomenico Tomei, assessore all'Agricoltura della Provincia di Modena.
Invece è arrivata da Caserta per attendere i risultati Marinella Simioli è giunta solo terza; si aspettava forse un risultato migliore, ma ha avuto la soddisfazione di esser premiata da Massimo Bottura, il cuoco al vertice tra i rappresentanti della cucina italiana. E ad ognuno dei protagonisti è stato chiesto il primo incontro con il Parmigiano Reggiano.
E per tutti ha risposto la Simioli: "Nella nostra famiglia il Parmigiano Reggiano si è sempre usato, anche se siamo di Caserta, e se manca andiamo in crisi di astinenza. Diciamo che è un po' come i farmaci di primo soccorso, in una famiglia non mancano mai, e così è per il Parmigiano Reggiano".
E gli fa eco Nadia, della coppia Lei & Vandelli, giunti secondi: "noi da piccoli succhiavamo latte e Parmigiano Reggiano, siamo cresciuti con lui...".
Mentre Paolo Bertani, primo classificato, ha ricordato che "è grazie al nostro formaggio che ho conosciuto Massimo Bottura, quando sono andato a mangiare il piatto delle tre consistenze di Parmigiano Reggiano...".
"Molti anni fa
– ha ribattuto Bottura – ora quel piatto si è evoluto e le consistenze sono diventate sei!!".

E Massimo non ha finito di stupire, dimostrando sensibilità di uomo legato alla sua terra: "I produttori di Parmigiano Reggiano sono degli eroi per le battaglie quotidiane che devono sostenere...". I produttori ringraziano.

Coltello e Parmigiano-Reggiano
Ricette