• 2012

29 giugno 2012

Dall'Italia al mondo, 9 tonnellate di Parmigiano Reggiano "diplomatico"

Due sottosegretari, sei Ambasciatori stranieri, sei Direttori Generali del Ministero degli Esteri per l'evento di solidarietà con i caseifici emiliani e del mantovano colpiti dal terremoto

Reggio Emilia, 29 giugno 2012 - E’ andata al Sottosegretario Marta Dassù la prima scaglia di Parmigiano Reggiano tratta da una forma salvatasi dal terremoto e aperta sul piazzale del Ministero degli Esteri dal condirettore del Consorzio del Parmigiano Reggiano, Riccardo Deserti, e dal Presidente del SNDMAE (il più importante sindacato dei diplomatici italiani), Enrico De Agostini.

L’evento ha sottolineato la solidarietà nei confronti dei caseifici colpiti dal terremoto da parte del mondo della diplomazia italiana (ma anche internazionale), che ha acquistato oltre una tonnellata di formaggio porzionato (destinato ai dipendenti del ministero degli Esteri) e altre 200 forme, di cui 30 hanno preso la via di ambasciate straniere (e tra queste quelle di Giappone, Pakistan, Svezia, Svizzera, Australia, Romania, Belgio, Brasile, Germania, Sud Africa, Burkina Faso, Austria, San Marino e Paesi Bassi) e 170 sono partite alla volta di Ambasciate e Consolati italiani in tutto il mondo.

Tra quanti hanno ricevuto i primi spicchi della forma tagliata nel piazzale della Farnesina, anche il sottosegretario Staffan De Mistura e cinque direttori generali del ministero degli Esteri.

Il corrispettivo delle oltre 9 tonnellate di Parmigiano Reggiano “diplomatico”, pari a quasi 100.000 euro, è stato consegnato dal Presidente del SNDMAE, Enrico De Agostini, al Presidente del Consorzio Latterie Virgilio, Paolo Carra per la ripresa produttiva dei caseifici danneggiati dal terremoto.

Coltello e Parmigiano-Reggiano
Ricette