• 2012

14 giugno 2012

Parmigiano Reggiano: 225.000 kg già richiesti al Consorzio

Cittadini e famiglie si aggregano donando 1euro/kg. 18.000 punte richieste da una sola impresa

Reggio Emilia, 14 giugno 2012 - Sono già a quota 225.000 chilogrammi le vendite di Parmigiano Reggiano coordinate dal Consorzio di tutela attraverso l’indirizzo e-mail terremoto©parmigiano-reggiano.it. E’ qui che, ogni ora, confluiscono richieste che corrispondono alla vendita di 900 Kg di Parmigiano Reggiano, dirottate poi sui tanti caseifici del comprensorio che hanno aderito all’iniziativa “Un euro per rinascere”, destinando  un contributo (un euro/kg, appunto) alle latterie che hanno subito gravi danni a seguito del terremoto in Emilia.

Bollino verde

Siamo di fronte - sottolinea il presidente del Consorzio del Parmigiano Reggiano, Giuseppe Alai - ad una solidarietà straordinaria da parte di famiglie, gruppi organizzati o spontanei, GAS, imprese ed enti che hanno deciso di seguire le vie proposte direttamente dal Consorzio (cui si associano quelle concordate e già in essere in diverse realtà della GDO, quali Coop Italia e Sigma, e quelle programmate in luglio con altre catene, tra le quali Auchan)  per acquistare il nostro prodotto direttamente dai caseifici protagonisti dell’iniziativa “Un euro per rinascere”, che in tal modo creano risorse per affrontare i problemi legati alle emergenze determinate dal sisma, ma anche quei processi di ricostruzione che si rendono necessari per assicurare lavoro e rinascita nel territorio”.

In pochi giorni, sulla mail attivata dal Consorzio sono così giunti ordini di acquisto per oltre 225.000 chilogrammi. “Abbiamo lavorato e continuiamo a lavorare - spiega Alaisulle drammatiche urgenze legate allo svuotamento dei magazzini, al reperimento di nuovi locali nei quali collocare il prodotto, agli accordi con le industrie per lo smaltimento di quello non più idoneo alla commercializzazione sui tradizionali canali, agli incontri con gli esponenti del Governo e del sistema bancario (l’ultimo, sicuramente costruttivo, risale a martedì) per evitare il precipitare della situazione sul fronte del credito; a questo primario lavoro si poi sono associate le vendite solidali a favore di quelle latterie danneggiate dal sisma che non sempre sono in condizione di effettuare la vendita diretta”.

I risultati, dunque, oggi si misurano con 3.000 ordini, alcuni dei quali superano i 1000 chilogrammi, con una punta di 18.000 pezzi richiesti da una sola grande impresa; “ciò che colpisce maggiormente – sottolinea Alaisono i modi in cui tanti cittadini si aggregano spontaneamente, con ordini che giungono da condomini, cral, vicini di casa, piccole comunità di paese, insieme a realtà già maggiormente organizzate”. L’acquisto di prodotto dai caseifici che partecipano all’operazione “Un euro per rinascere” può avvenire in automatico compilando il modulo di pre-ordine che il Consorzio provvede ad inoltrare ad uno dei caseifici che ha aderito al fondo di solidarietà (il modulo è disponibile all’indirizzo https://www.parmigianoreggiano.it/comunicazione/ext/filodirettoev/default.aspx, oppure scrivendo a terremoto@parmigiano-reggiano.it.

I contributi raccolti sono destinati a confluire nel Fondo di solidarietà (appositamente costituito) del "Comitato Gruppo Caseifici Terremotati" del Parmigiano Reggiano, a cui è possibile fare donazioni attraverso versamenti al codice IBAN è: IT 07 A 07058 12803 000000057000. Per i versamenti e bonifici dall'estero, il codice bic o swift è: ICRAITRRTE0

Coltello e Parmigiano-Reggiano
Ricette