• 2013

Emilia centrale e bassa Lombardia puntano al riconoscimento Unesco come Patrimonio Mondiale Immateriale

Venerdì 1 marzo a Reggio Emilia presentazione del progetto e di una ricerca

Reggio Emilia, 27 febbraio 2013 - Il territorio dell’Emilia centrale e bassa Lombardia punta ad ottenere il riconoscimento di “Patrimonio mondiale immateriale” da parte dell’Unesco, l’organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura.

Il progetto, che è seguito dal club Unesco di Reggio Emilia in collaborazione con il Consorzio del Parmigiano Reggiano, sarà presentato venerdì 1 marzo alle ore 10,00 nell’Aula Magna dell’Università di Modena e Reggio Emilia, unitamente ad un primo studio che evidenzia le peculiarità di questo territorio ed è propedeutico proprio al percorso di possibile riconoscimento come “patrimonio mondiale immateriale”.

L’iniziativa – sottolinea Silvio Cari Gallingani, curatore dell’iniziativa per il Club Unesco di Reggio Emilia – parte dalla considerazione che questo territorio rappresenta un “unicum” particolare, caratteristico, complesso e delicato che si è modificato nel tempo per opera di una pluralità di fattori umani, storici, culturali, ambientali e che, come tale sia degno di particolare valorizzazione e tutela”.

La presentazione di venerdì sarà aperta dal presidente del Consorzio del Parmigiano Reggiano, Giuseppe Alai, cui seguirà l’illustrazione del progetto del curatore Silvio Cari Gallingani. I ricercatori Riccardo Braggion e Valentina Tavoni presenteranno poi i contenuti della ricerca finalizzata alla presentazione della domanda di riconoscimento all’Unesco, affrontando in particolare gli aspetti riguardanti il territorio, la popolazione, l’organizzazione agricola e il ruolo di monasteri e ordini religiosi per diffondere cultura nel territorio dell’Emilia centrale e bassa Lombardia.

Coltello e Parmigiano-Reggiano
Ricette